Greenery: il colore dell’anno nell’arredamento

Greenery: il colore dell’anno nell’arredamento

È il Greenery il colore simbolo del 2017. Lo ha decretato, come ogni anno, il team di Pantone, ovvero la massima autorità in materia cromatica.

Greenery (Pantone 15-0343) è innanzitutto il colore della Natura. Quel verde gemma che in primavera costella i rami con le fronde novelle, o avvolge i prati di un fresco manto erboso tempestato di margherite. Un verde chiaro, vivido e brillante, con un tono di giallo lime. Ma come utilizzarlo nell’arredamento?

Greenery: se lo conosci, lo ami.

La prima regola, quando si tratta di colori, è conoscerne la psicologia. Greenery è stato scelto come un omaggio e insieme un auspicio ad un mondo sempre più “green”. L’urgenza di una maggiore attenzione all’ecologia e la riscoperta di stili di vita più genuini e naturali sono tra i propositi irrinunciabili per il nuovo anno. Spesso distratti dalla tecnologia, o rinchiusi tra uffici e pareti, dimentichiamo il contatto con la natura e l’effetto benefico che ne deriva. Greenery è un colore che stimola al contempo energia e serenità, con un effetto rigenerante e calmante.

Come usare il Greenery nell’arredamento.

In virtù dei suoi valori positivi, il Greenery porta nella casa freschezza e armonia. Tuttavia, l’equilibrio è anche nella quantità, onde evitare stucchevoli eccessi o ridondanti stonature. Ideale per il soggiorno o la camera dei bambini, il suo tocco vitale ben si accosta a tonalità pastello, colori naturali o toni scuri. Sceglietelo per singole pareti in tinta unita, o declinato nei pattern della carta da parati. Oppure sfruttatelo per porte a contrasto, sposandolo all’Avorio, al Sabbia o all’Argento. Se preferite adottarlo nei complementi d’arredo, un divano Greenery crea da solo il mood del salotto. Altrimenti, sceglietelo per i dettagli, dai soprammobili alle tazze Pantone, fino alla sua versione più naturale: le piante da appartamento.

Chiudi il menu
×

Carrello